La Scherma

La scherma è una disciplina sportiva individuale nata dall'evoluzione di antiche forme di combattimento. Essa è basata non solo sulla forza, ma anche sull'intelligenza tecnico-tattica dove ciò che conta è la vigile attenzione dei propri movimenti e di quelli dell'avversario.
Anche se è uno sport poco diffuso non bisogna dimenticare le numerose medaglie e titoli che ha fatto guadagnare all'Italia negli ultimi anni.

In tutte le specialità è richiesta astuzia, autocontrollo e velocità intesa sia come rapidità di arrivare a mettere la stoccata che di sottrarsi a quella dell'avversario. E' un ottimo sport formativo ed educativo poiché sviluppa lo spirito di lealtà e correttezza che si traduce, alla fine di ogni incontro, con una stretta di mano tra i contendenti, indipendentemente dal risultato.

Sono presenti tre diverse specialità: il fioretto , la sciabola e la spada . Esse si differenzano per l'arma (differente impugnatura e struttura della lama), per il modo di colpire e per il bersaglio valido.

L'incontro, detto anche assalto, si svolge su una pedana lunga 14 metri dal fondo della quale lo schermitore che esce riceve un punto di penalità.

L'assalto viene diretto da un arbitro che si avvale di un segnalatore elettronico in grado di avvisare con un segnale luminoso (colorato) e acustico quando la stoccata viene portata a segno. Nel caso del fioretto se la stoccata viene portata fuori dalla superficie valida si accende la luce bianca.

Per il fioretto e la sciabola nel caso in cui entrambi gli schermitori tocchino il bersaglio, l'arbitro decide a chi assegnare la stoccata in base a precise regole dette convenzioni.
In breve si assegna la priorità a chi inizia per primo l'azione di attacco il quale la conserva fino al momento in cui l'avversario riesce a parare il colpo e quindi ad acquisire la piorità in caso di risposta. Nel caso in cui gli schermitori inizino simultaneamente l'attacco ed entrambi raggiungano il bersaglio l'arbitro decreta il “tempo comune” che è sostanzialmente un nulla di fatto.

Il fioretto è un arma che consente di colpire solo di punta ed il bersaglio valido è costituito dal tronco, braccia e testa escluse.

Con la sciabola è consentito colpire sia di punta che di taglio ed il bersaglio valido è costituito da tutto il tronco braccia e testa comprese.

La spada consente di colpire solo di punta ed il bersaglio valido è l'intero corpo dell'avversario; in questa arma non esistono convenzioni per cui la stoccata viene assegnata a chi colpisce per primo od a entrambi nel caso di tempo comune.